Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

“C’erano fremiti e viltà,
assaporare quel sospiro
mentre sfilavo ogni pudore,
le labbra … quel tocco per l’inizio…

Il sapore dell’attesa,
l’odore del piacere
in quel perdersi tra l’estasi,
di un preludio di passione…

Le dita oltre l’anima dinanzi,
scavalcando quel sentore
rimasto sul sapore dell’ultimo respiro,
poi quel nulla nel gemito appena accennato…

Sguardi e respiri intrecciati
mani e labbra tremanti,
ardore, cuore, anima
un fuoco che avvolge e dilaga…

3

Nulla era dettato al caso
ogni fruscio delle dita scivolava senza arrestarsi,
tremolanti come lame nel burro
raccogliendo ogni sapore per sentirne l’odor poi fin alla cervice.

E’ un inizio senza fine
cercarsi, volersi… prendersi
tra affannati gemiti
e corpi lucidi e tremanti,
ancora e ancora… oltre ogni limite…

l’infinito voluto tra lacrime e preghiere,
del gridar il suo nome fino alle stelle
supplicando non avesse fine quell’inarcar della schiena,
sgomento quelle mani perse tra i capelli sulle labbra che supplicavan ancora..

Come quiete dopo la tempesta
tra silenziosi affanni,
ardenti corpi madidi di piacere
dell’estasi tremolanti…

Raccogliendo ogni sapore tra le pieghe del cuore…”

(Maurizio Spreghini & Grace)

Annunci